30
Mag 18

PERCHÈ ESISTE UNA DERIVA FILORUSSA?

Uno dei motivi che ha spinto Mattarella a premere il tasto della soluzione finale riguardava l'eventuale politica estera distinta da accenti dichiaratamente filorussi che avrebbero potuto scatenare incomprensioni con i partner della NATO e con le azioni da intraprendere in seguito ad eventuali tensioni internazionali tra il blocco asiatico e il blocco occidentale.

Strategia internazionale filorussa

http://www.repubblica.it/esteri/2018/05/30/news/e_vivo_arkady_babchenko_il_giornalista_russo

OK siamo un paese occidentale, diciamo una colonia americana, ma mi chiedo perchè la maggior parte dei politici non si chiede quali siano le motivazioni che hanno scatenato questa ondata crescente di sentimenti filorussi nella popolazione che la Lega sta giustamente cavalcando, soprattutto perchè parte della base della Lega sta subendo danni economici in seguito alle varie sanzioni applicate.

Per quanto mi riguarda non si può ridurre tale fenomeno ad una normale conseguenza derivante dalla questione economica creata in base alle sanzioni inflitte, infatti negli ultimi anni ci sono stati vari eventi che hanno suscitato dubbi rispetto le reali motivazioni che hanno spinto gli americani ad intraprendere le guerre che hanno destabilizzato il medioriente in nome della liberazioni del popoli dai loro tiranni e dell'esportazione della democrazia.

Oltre ad eventi che hanno portato allo scoppio di guerre, ci sono state anche situazioni oscure come la destabilizzazione dell'Ucraina quando era guidata da un premier filorusso, fino alla vicenda dell'avvelenamento dell'ex spia russa e della figlia, miracolosamente guarite dagli agenti nervini, in cui sono state date in pasto ai giornali dichiarazioni di esperti mai avvenute o comunque platealmente manipolate senza che l'Inghilterra abbia messo a disposizione della comunità internazionale le prove raccolte.

L'ultima vicenda che deve far riflettere riguarda l'operazione condotta dai servizi segreti ucraini in collaborazione con un giornalista russo, oppositore di Putin, che si è finto morto per due giorni al fine di rendere possibile la cattura del reale killer, dicono assoldato dal Cremlino, che ha scatenato un'ondata di indignazione generale in tutte le istituzioni, fino ad oggi, cioè fino a quando si dava per scontato che era stato ucciso dai russi.

P.S.: Anche i russi non sono stinchi di santo, ma chi ha determinato più morti nel mondo negli ultimi anni?

CONDIVIDI SUI SOCIAL QUESTA ANALISI
29
Mag 18

# IO STO CON MATTARELLA AI GIARDINETTI

Il Presidente della Repubblica Mattarella deve dimettersi e non merita di essere difeso da nessun italiano, perchè ha impedito, in malafede, ad un Governo di insediarsi in base a delle supposizioni, giustificandosi dicendo che ha agito col fine di tutelare i risparmi degli italiani, eppure dal giorno della sua decisione nefasta la borsa è andata in picchiata e ha bruciato quasi 20 miliardi dei risparmi degli "italiani".

Grafico di borsa dopo Mattarella

https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/05/29/governo-oettinger-mercati-spingeranno-gli-italiani-

Il pensiero di coloro che non masticano di borsa li porta a pensare che, comunque, ciò che accade sui mercati non sia colpa delle decisioni di Mattarella, ma delle discussioni innescate dalla riesumazione del libro di Paolo Savona pubblicato nel 2015 in cui veniva elaborato un piano B da adottare, nel caso le elitè europee non avrebbero voluto prendere coscienza dell'insostenibilità dell'euro, nonostante le plateali evidenze scientifico-economiche che dimostrano la deriva distruttiva dell'attuale sistema monetario europeo.

Sorvoliamo sulla veridicità o meno di questa tesi e approfondiamo il funzionamento dei mercati in modo semplicistico, ma efficace. I MERCATI FUNZIONANO IN BASE ALLE INFORMAZIONI, se non ci sono informazioni, c'è incertezza e l'incertezza si trasforma in emotività che trascende dai parametri economici reali di un economia.

La storia recentissima ha dimostrato e sbugiardato tutti coloro che hanno prospettato clamorosi crolli finanziari dovuti a scelte politiche, che guarda caso rallentano il piano del nuovo ordine mondiale (questa è un'altra storia), come la Brexit e l'elezione di Trump, infatti dopo entrambi questi eventi le rispettive borse sono cresciute moltissimo, nonostante i rispettivi mercati si fossero trovati sotto pressione fino al giorno in cui non sono arrivate le tanto amate informazioni relative al cambio di rotta delle rispettive politiche nazionali.

A questo punto, rileggetevi cosa ho postato l'8 Maggio 2018, prima che Berlusconi desse il via libera a Salvini riguardo il confronto con il M5S, e capirete che io, il signor NESSUNO, avevo ben presente cosa sarebbe successo e come si sarebbero mossi i mercati (sorvolate sull'impostazione, ma io sono un "complottista"), fornendo due scenari uno dove l'incertezza sarebbe durata fino al giorno prima della fiducia dell'eventuale Governo tecnico ed un'altra dove l'incertezza sarebbe durata fino al giorno delle nuove elezioni.

Ora ditemi come sia possibile che un Presidente della Repubblica non abbia uno staff che l'abbia avvertito dei rischi delle sue decisioni alla luce del fatto che, addirittura, io, il signor NESSUNO, avevo coscienza di ciò che sarebbe successo già 20 giorni fa.

Ora ditemi che il nostro Presidente della Repubblica non ha commesso il reato di alto tradimento, oltre alle forzature costituzionali che ormai sono passate come rientranti nel perimetro delle sue prerogative grazie a "qualche" costituzionalista.

Almeno rendiamo virale questo hashtag: #iostoconmattarellaaigiardinetti

 

CONDIVIDI SUI SOCIAL QUESTA ANALISI
28
Mag 18

MESSA IN STATO DI ACCUSA OBBLIGATORIA

Oggi ho letto e mi sono confrontato con molte persone sui social riguardo la messa in stato di accusa del Presidente della Repubblica e sono giunto alla conclusione che, gran parte di loro, probabilmente fino a ieri non seguivano la politica e non hanno neanche un infarinatura generale del sistema economico europeo.

https://www.milanofinanza.it/news/onida-la-scelta-di-mattarella-impropria-201805281158436302

Come al solito queste persone messe alle strette, iniziano ad etichettare l'interlocutore come un sostenitore di quella parte politica senza prendere neanche lontanamente in considerazione la probabilità che si stia cercando di fare un'analisi razionale degli eventi.

Dopo un'analisi razionale lo scenario riguardante la messa in stato di accusa del Presidente della Repubblica ha solide basi, dato che il Presidente della Repubblica ha prevaricato i poteri del Presidente del Consiglio incaricato non firmando la nomina del Ministro dell'Economia scelto non per motivi oggettivi, ma per motivi politici basati su supposizioni, dettando di fatto una linea politica.

Il Presidente della Repubblica non ha rispettato l'articolo 92 e l'articolo 95 della Costituzione ed è un fatto gravissimo che non deve essere tollerato al fine di non creare un pericoloso precedente capace di creare gravi cortocircuiti tra i vari poteri dello Stato.

Molte persone giustificano l'operato del Presidente della Repubblica dicendo che ha agito all'interno del proprio perimetro istituzionale perchè può rifiutare di nominare i ministri, ma ciò non corrisponde a realtà perchè in molti testi di diritto pubblico, alcuni dei quali scritti dai padri costituenti, c'è scritto che la scelta dei ministri spetta al Presidente del Consiglio incaricato e il Presidente della Repubblica può rifiutarsi di nominare i ministri in base al'art.54 della Costituzione:

Tutti i cittadini hanno il dovere di essere fedeli alla Repubblica e di osservarne la Costituzione e le leggi. I cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore, prestando giuramento nei casi stabiliti dalla legge.

Paolo Savona rispettava ampiamente i requisiti di disciplina e onore, ragion per cui non è un caso simile ai precedenti storici che vengono sbandierati allo scopo di dare legittimità ad una scelta prevaricante.

P.S. : Sig. Mattarella si dimetta per motivi di salute e levi dall'impaccio l'intero Paese... ...sbagliare è umano.

CONDIVIDI SUI SOCIAL QUESTA ANALISI
27
Mag 18

PRESIDENTE DELL'EUROPA NON DEGLI ITALIANI

Nelle ultime tre settimane, cioè dalla data del mio ultimo post, ho pensato che le mie previsioni non si sarebbero avverate grazie a Berlusconi... ...e non ci potevo credere, perchè il suo istinto di sopravvivenza politica (dote che però non allunga la vita reale) l'aveva portato a dare il via libera a Salvini e quindi, involontariamente, aveva donato alla storia europea una possibilità di salvezza.

Purtroppo, la mia natura diffidente sapeva che un Governo sorretto da persone realmente competenti in ambito economico non sarebbe potuto mai nascere... ...ma ci speravo fino al momento in cui Mattarella si è dimostrato il Presidente dell'Europa e non degli italiani. 

https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/05/27/governo-m5s-lega-diretta-conte-ha-rimesso-il-mandato

Il Presidente della Repubblica si è piegato al volere delle elitè europee ed ora pretendo che venga cambiato l'art.83 della Costituzione con la seguente dicitura: Il Presidente della Repubblica è il Capo dello Stato e rappresenta l'unità dell'Europa.

Ammetto che Mattarella si è trovato in una situazione difficile dato che esisteva un 'unica soluzione giusta, che però non piaceva alle elitè, ma lui doveva essere superpartes ed assolvere il suo principale compito, cioè preservare l'unità nazionale facendo concretizzare l'unico governo possibile, cioè quello rappresentato dal Nord, attraverso la Lega, e dal Sud, attraverso il M5S.

Ha avuto il barbaro coraggio di dire che garantisce il risparmio degli italiani, ma non vi dice quello che ora succederà... ...tutti voi state pensando che con questa mossa alle prossime elezioni il M5S e la Lega raggiungeranno percentuali inaudite,ma non sarà così perchè le elitè sanno che vi dovranno far cambiare idea.

Forse non sarà domani o dopodomani, ma fino alle prossime elezioni lo spread si prenderà la scena per mesi, senza che un Governo democratico possa porre rimedi o spiegarvi cosa succede e perchè.

P.S.: PROBABILMENTE TORNO A SCRIVERE CON FREQUENZA

CONDIVIDI SUI SOCIAL QUESTA ANALISI
8
Mag 18

ABBIAMO IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA

Quanti di voi pensano che a Luglio si va a votare? Siete sicuri perchè Di Maio e Matteo Salvini sono concordi sul fatto che bisogna andare a votare il prima possibile?

http://www.repubblica.it/politica/2018/05/08/news/pd_governo_martina-195804033/

In parte avete ragione perchè, entrambi, non stanno facendo il doppio gioco e, nonostante, continuano a mostrare di adoperarsi nella realizzazione di un Governo hanno tutto l'interesse di andare a votare e rubare quanti più voti a PD e Forza Italia, entrambi al capolinea.
 
Infatti la strategia adottata dal M5S potrebbe far perdere un sacco di voti al PD nella prossima tornata elettorale e il pressing da parte della Lega su Berlusconi, affinchè dia il suo appoggio esterno ad un Governo a trazione M5S-Lega, potrebbe permettere a quest'ultima di scaricare parte della colpa, riguardante la mancata realizzazione del Governo, su Berlusconi durante la prossima campagna elettorale.
 
Uso i condizionali perchè nonostante i ragionamenti di Di Maio e Salvini siano sensati, non troveranno applicazione, dato che nei prossimi giorni il gioco verrà influenzato da alcuni giocatori esterni alla scena politica italiana e non sto parlando del futuro Governo del Presidente che andrà ad insediarsi nel prossimo futuro.
 
Per quanto mi riguarda, il Governo del presidente ci sarà ed acquisirà autorevolezza e fiducia parlamentare grazie all'aiuto dei mercati, che colpiranno la nostra Borsa pesantemente fino al giorno in cui si dovrà votare la fiducia al governo del presidente ed i partiti dovranno assumersi le responsabilità di fronte agli italiani di interrompere l'ondata di sfiducia dei mercati nei confronti del nostro Paese o di richiamarli alle urne alimentando ancor di più la sfiducia dei mercati.
 
P.S.: Ciò sarà possibile unicamente perchè siamo nell'Europa di proprietà dell'euro, dove siamo liberi di fare ciò che viene deciso da persone che non votiamo e di cui, probabilmente, non abbiamo neanche sentito mai parlare.
CONDIVIDI SUI SOCIAL QUESTA ANALISI