9
Nov 16

FOMENTARE L'AUTOLESIONISMO DEL POPOLO

Fomentare l'autolesionismo del popolo è il vero scopo dei principali media del mondo, per questo negli ultime tempi tutte le elezioni sembrano ricche di colpi di scena, quando, in realtà, se i media avessero fatto il loro lavoro in modo imparziale, senza cercare di orientare il pubblico, il più delle volte sarebbero riusciti ad interpretare ciò che sarebbe realmente accaduto

l'autolesionismo del popolo

http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/11/09/lelezione-di-trump-a-presidente

Fomentare l'autolesionismo del popolo dovrebbe essere reato, invece, i media, puntualmente, mascherano la loro condotta ammettendo errori di calcolo e di interpretazione dei dati, quando in realtà non lavorano in modo imparziale e sono al servizio di determinate agende politiche nazionali ed internazionali, come fanno presupporre le partecipazioni di influenti giornalisti di varie nazioni a riunioni private, come quelle del Gruppo Bilderberg.

Oggi su i social nostrani l'autolesionismo del popolo ha dimostrato la sua virulenza, attraverso i commenti di persone comuni riguardanti la vittoria di Trump alle presidenziali americane, nei quali si parlava di sciagura mondiale, guerre atomiche, muri da erigere, crollo della Borsa, incompetenza assoluta per quel ruolo, probabilmente senza aver analizzato le informazioni sui programmi politici proposti, ma facendosi forti del pensiero prevalente dei media.

Non conosciamo il futuro, ma il discorso del neo presidente ha ribadito alcuni punti del suo programma come la volontà di cercare partnership e non conflitti con gli altri Stati e la volontà di lanciare un nuovo New Deal per aumentare l'occupazione e il welfare, ma a voi piaceva la Clinton che vi garantiva l'astio verso Putin e il favore della finanza che vi da mangiare perchè l'autolesionismo del popolo è un sentimento innato... ...o forse alimentato.

Continuate a parlare di muri, di immigrazione, di accoglienza a priori, senza capire che questo argomento fa parte del discorso di autolesionismo del popolo che portano avanti determinate agende politiche che mirano alla riduzione dei salari e non ha nulla a che fare con il nobile sentimento dell'accoglienza, ma è solo il nuovo schiavismo verso l'immigrato e verso il nativo in precarie condizioni economiche che pian piano si troveranno a combattere tra di loro.

P.S. Mettetevelo in test, l'immigrazione va regolamentata e i popoli devono essere aiutati sui loro territori

 

CONDIVIDI SUI SOCIAL QUESTA ANALISI

Leave a Reply